Archivio dell'autore: ophelia76

Informazioni su ophelia76

...chi sono? Non lo so, so solo che la follia che c'è in me non si spegnerà mai. Ed è proprio lei che mi permette di "sentire", anche se forse non andrò mai (davvero) bene per questo mondo. Chissà.

È così…

…non si può riempire un vuoto. Mai Annunci

Pubblicato in me | Lascia un commento

Le mie parole Sono briciole portate via dal vento Che si disperdono Senza meta Senza più colore Senza più sapore Le mie parole Sono piene e vuote Allo stesso tempo Esplodono in scintille E poi si scordano sotto la pioggia … Continua a leggere

Pubblicato in Amore, me, passioni, poesia, Sogni | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

doubts

“Come fai a dire che ami una persona, quando al mondo ci sono migliaia di persone che potresti amare di più, se solo le incontrassi? Il fatto è che non le incontri.” Cit. Charles Bukowski   E se poi invece … Continua a leggere

Pubblicato in me | Lascia un commento

notti insonni

c’è una grande confusione in questi giorni, nella mia testa, tra le mie dita, sotto la pelle. mi sembra di essere tornata indietro di quasi 20 anni, l’inconscio non dimentica. L’ha sempre detto Freud, in fondo. E io sono di … Continua a leggere

Pubblicato in me | Lascia un commento

And it breaks my heart to love you…

…recita così una canzone degli Editors, e ogni volta mi manca il fiato. Mi si spezza davvero qualcosa dentro. È difficile amare. È difficile voler bene davvero. Perché a volte bisogna sapere aspettare, trattenersi, rinunciare, cercare di capire. Cercare compromessi. … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

Hai vissuto…

…mille vite attraverso le parole degli altri. E se leggendo ti sembra di essertici immerso, e di averle vissute per davvero… traducendo rischi di affogarci in questo mare ignoto, e nuoti con forza per riemergere in superficie e portare quella … Continua a leggere

Pubblicato in Amore, lavoro, me, traduzione, vita | Contrassegnato , , , , , , , , , | Lascia un commento

Tornare a tradurre, almeno con il pensiero

“E forse, dopo tutto, è così che bisogna tradurre, con l’oscura coscienza cioè che in ogni traduzione non si è che se stessi, nel nostro proprio giorno e che questa transitorietà avvolge tuttavia una testimonianza.”   Yves Bonnefoy    

Pubblicato in anno nuovo, lavoro, me, traduzione | Contrassegnato , , | Lascia un commento